Intervista a Luca, fotografo di UomoNudo: «Così ho unito la mia passione per le foto con quella per la nudità»

Si chiama Luca e ha fotografato decine di uomini dall’aspetto virile e dalla fisicità prorompente. Se bazzicate su Instagram e apprezzate il nudo maschile, allora probabilmente vi sarete già imbattuti in alcune foto del suo progetto UomoNudo. Sono diversi infatti i ragazzi della comunità LGBT italiana che si sono denudati per i suoi scatti, prestando corpi che sembrano scolpiti sul marmo a delle vere opere d’arte.

Lo abbiamo conosciuto e lo abbiamo intervistato, per capire cosa c’è dietro alle foto dense di eros ma prive di volgarità che potete ammirare su uomonudo.net.

L’intervista

Dummy: Ciao Luca, grazie per aver accettato questa intervista. Vorrei iniziare col raccontare com’è cominciata la tua passione per la fotografia e in che occasione hai scelto come soggetto dei nudi maschili per la prima volta.

Luca: I miei primi passi, o esperimenti come più mi piace definirli, risalgono al 2006: ho iniziato ad esplorare il mondo della fotografia da autodidatta, unendo la mia curiosità per le foto con un’altra passione che ho sempre coltivato, ovvero la nudità. Così è nato UomoNudo.

D: Tra i modelli che si sono prestati ai tuoi scatti ci sono soprattutto uomini con delle caratteristiche molto ben definite: muscoli, peli, barba. In generale hanno tutti un aspetto molto virile. E’ una scelta ben precisa?

L: Sì, è una scelta precisa, quella di immortalare un “uomo”, e quindi non un ragazzo, in cui in generale prevale l’aspetto “mediterraneo” anche se a volte mi piace fare qualche eccezione e confrontarmi magari con un soggetto leggermente diverso.

D: Come trovi i tuoi modelli e come entri in contatto con loro? O sono loro a cercare te?

L: All’inizio dovevo contattare e convincere le persone di non essere un malintenzionato che voleva fare qualcosa di losco immortalandoli nudi. Ora, essendo un po’ piu conosciuto, ho molta gente che mi contatta e si propone per i miei scatti artistici. Anche se non manca l’occasione in cui io scelgo personalmente qualche persona che ritengo adatta al progetto.

D: Molti di questi uomini sono finiti tra i repost della nostra gallery di Instagram. Grazie ai tuoi scatti (ma anche alla loro prestanza fisica) non hanno faticato nella selezione che facciamo. Dunque sappiamo che molti di loro sono omosessuali. Ti capita di fotografare anche uomini eterosessuali?

L: Certo, non faccio distinzioni.

D: E ti trovi più a tuo agio con gli uni o con gli altri?

L: Mi trovo a mio agio quasi sempre con tutti i soggetti . Certo, è sempre un’esperienza diversa che varia in base al carattere del modello, però cerco sempre di creare una situazione piacevole e che la sessione fotografica sia divertente e non stressante.

D: Ti è sempre capitato di avere a che fare con persone disinvolte nel denudarsi davanti all’obiettivo?

L: Esattamente come per la domanda precedente, dipende. Diciamo che in generale chi vuole posare per UomoNudo deve avere quel pizzico di esibizionismo e quindi disinibizione col nudo artistico. Mi è capitato però anche di avere soggetti alla prima esperienza con qualche attimo di indecisione al momento pratico di mettersi davanti l’obbiettivo. Però vi posso dire che oggi sono degli ottimi “modelli” per me e per altri fotografi, ed io sono contento di aver contribuito al loro primo passo con il nudo.

D: C’è uno scatto a cui tieni particolarmente?

L: Diciamo che sono tutte storie diverse, gli scatti in interni, gli scatti nell’archeologia industriali, e gli scatti “temerari”… Ecco forse questi sono quelli che io apprezzo di piu perché fuori dalla location comune: ho scatto su treni (in corsa), in metrò, e perfino per la strada.

D: Arrivati al termine dell’intervista chiedo sempre come ci si immagina più in là nel tempo. Ti chiedo quindi se pensi di continuare a lungo con questo tuo progetto oppure se magari pensi che sposterai la tua attenzione su un altro tipo di fotografia.

L: In realtà io sto già fotografando anche altri tipi di soggetti (donne, bambini, prodotti, paesaggi) infatti ho un altro profilo instagram (@lucacanon) che però è meno conosciuto di UomoNudo. Sicuramente UomoNudo continua, e probabilmente si evolverà, cambierà… Sinceramente non lo so neanche io. Voi seguitemi e lo scoprirete!

Dummy

2 Replies to “Intervista a Luca, fotografo di UomoNudo: «Così ho unito la mia passione per le foto con quella per la nudità»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *