Madonna ospite all’Eurovision, cachet a 6 o 7 zeri ma è polemica su pinkwashing

Se ne parlava da settimane, ma ora è ufficiale: Madonna sarà ospite nella grand final dell’Eurovision Song Contest 2019. Stando alle indiscrezioni rese note dal Mirror, il chachet per la sua partecipazione – compensivo dei costi per il suo staff di 160 persone – è di 1 milione di dollari, mentre La Repubblica azzarda la mostruosa cifra di 80 milioni di dollari. Ad ogni modo i costi saranno coperti dal milionario israelo-canadese Sylvan Adams.

Per questa modica cifra, Madonna si esibirà su due brani, probabilmente durante il televoto. Si parla di un vecchio successo e di un nuovo brano dal suo album in uscita, insomma un po’ di promozione non guasta mai.

La partecipazione di Madonna ha però sollevato le già esistenti polemiche riguardo il pishwashing di Israele. Peter GabrielKen Loach e altre personalità britanniche hanno chiesto alla BBC di boicottare il contest eurovisivo in segno di rispetto dei diritti violati dei palestinesi da parte di Israele, che ospiterà la manifestazione a Tel Aviv. Il boicottaggio della manifestazione era stato già chiesto da 60 associazioni LGBT in tutto il mondo.

Dopo la scelta di assegnare la conduzione a un presentatore dichiaratamente omosessuale, quella di chiamare un’icona gay come Madonna sembra avvalorare la tesi che vorrebbe fare leva sugli eurofan LGBT e distrarre l’attenzione dai crimini di guerra ai danni dei palestinesi.

L’Eurovision quest’anno si terrà il 14, il 16 e il 18 maggio. L’Italia verrà rappresentata da Mahmood, che si esibirà solo nella serata finale del 18 maggio, la stessa in cui canterà Madonna. L’Italia potrà inoltre votare nella seconda semifinale, quella del 16 maggio.

 

Cover photo by Sean Gallup/Getty Images

 

4 Replies to “Madonna ospite all’Eurovision, cachet a 6 o 7 zeri ma è polemica su pinkwashing”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *