Ho qualcosa da dirti, La Wanda Gastrica rimprovera She Wulva e ringrazia Peperita

Come vi abbiamo anticipato ieri, oggi a Ho qualcosa da dirti abbiamo potuto vedere in azione tre delle più importanti drag queen italiane ovvero La Wanda Gastrica, PeperitaShe Wulva.

All’inizio della storia, con l’aiuto di Enrica Bonaccorti, La Wanda ha raccontato un po’ di sé, di come ha deciso di utilizzare quel nome e del fatto che scinde il personaggio di Wanda da Diego, la sua vera identità. Il suo essere drag queen è un lavoro che la impegna a tempo pieno, lei è autrice e attrice dei suoi spettacoli e questo lavoro lo ha iniziato un po’ per caso, non pensava minimamente di intraprendere questa carriera. Ai suoi esordi «rubava» i vestiti della nonna e della mamma avendo loro la sua stessa taglia, adducendo la scusa che si stava occupando dei costumi di un determinato spettacolo.



La prima persona a cui La Wanda ha “qualcosa da dire” è She Wulva, che si presenta all’appuntamento nel suo bellissimo abito dai colori chiari. Parlando del concorso “Regina d’inverno” le dice: «Non ho apprezzato quello che hai presentato sul palco». Infatti She ha partecipato per due anni di seguito con gli stessi abiti e le stesse performances per poi dare il suo meglio in finale. «Molto spesso ci si sente troppo sicuri delle proprie potenzialità – continua La Wanda – secondo me hai peccato un po’ si superbia» .

È poi il turno di Piperita, la “figlia artistica” di La Wanda, che ha iniziato la sua carriera da drag queen grazie a lei ed è arrivata seconda a “Miss Drag Queen Italia” nel 2009 e prima a “Regina d’Inverno” sempre nello stesso anno. La Wanda ha parole dolci per Peperita: «Dopo dieci anni mi stai permettendo di essere ancora orgogliosa di tutto quello che hai fatto, nonostante i millemila rimproveri che ti prendi ogni volta che lavoriamo insieme».

 

Leggi anche: La drag queen musulmana Glamrou spiega perché il Corano è queer
Ti è piaciuto questo articolo? Votaci come miglior sito LGBT ai Macchianera Internet Awards 2019!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *